Enna, il Comune sceglie la via delle “IntegrAzioni”

Ritrovarsi ed essere comunità. E’ la scommessa lanciata alla città con il progetto “IntegrAzioni” dall’amministrazione comunale Dipietro con l’assessorato alle politiche sociali su progetto di Cettina Capizzi della “Casa di Giufa” (che ospiterà le attività) e Paolo Patrinicola direttore dell’associazione l’Alveare.

Per  vincere l’importante scommessa che guarda alla diversità come valore ed all’integrazione come necessità,  l’assessorato comunale alle politiche sociali guidato   dall’assessore Paolo Gargaglione ha creato una rete sociale  che coinvolge, il Cpia di Caltanissetta ed Enna, Anpas, la parrocchia di Sant’Anna, impegnate per una nuova coscienza dell’altro e del valore delle diversità. Centrale nel  del progetto il ruolo della cultura per creare una nuova idea di condivisione puntando sulla capacità aggregante di forme artistiche che vanno dal teatro, alla fotografia, alla musica. “IntegrAzioni”  prevede anche un ciclo di incontri che inizieranno da giovedì  alle 18 alla casa di Giufa’ con la presentazione di “nata per te” di Luca Trapanese realizzato in collaborazione con Vita 21.

Il percorso culturale prevede quattro incontri a tema, per parlare  di inclusione e integrazione in senso ampio per abbattere luoghi comuni e pregiudizi. Il primo marzo alle 20 sarà presentato “never stop” di Carmelo Stompo, libro fotografico e cortometraggio, sulle migrazioni di oggi. Il 19 marzo alle 18 e30 sarà la volta di Santa Napoli di Alessandro Gallo che racconta in prima persone  di un no ad una vita segnata dalla camorra, trasformata in una vita dedicata a dare un esempio positivo ai più giovani ed il 26 aprile di Cono Cinquemani con “zia favola, una storia siculish” che racconta di quanto a migrare erano i siciliani. “IntegrAzioni” sempre  alla.” casa di Giufa'” darà il via a quattro  laboratori interculturali per una durata complessiva di 60 ore che saranno condotti da metà marzo da cinque artisti ennesi, il musicista e compositore  Emanuele Primavera, il musicista, arrangiatore e cantautore Roberto Cohiba, i fotografi e video makers Antonella Barbera e Fabio Leone e l’attrice e regista Patrizia Fazzi.

Gli appuntamenti laboratoriali con canto percussioni, teatro e fotografia, saranno rivolti a migranti, cittadini immigrati e a giovani che desiderano sperimentare nuove forme di comunicazione, di aggregazione e di scambio artistico-creativo in un contesto interculturale. Al termine di ogni laboratorio sarà organizzato un evento per la città concluso da una cena multi etnica curata da Alessandro Amato. Per il sindaco di Enna Maurizio Dipietro presentando il progetto  “I sentimenti collettivi forse più diffusi sono oggi la paura ed il rancore. Ed i destinatari di questi sentimenti sono i “diversi”. Diversamente abili, immigrati di oggi ed emigranti di ieri sono lo spunto, che sarà trattato durante gli incontri che partiranno da questo giovedì , per aprire una riflessione che ha uno sbocco obbligato: la diversità è una ricchezza.”

Come sottolinea l’assessore Paolo Gargaglione “vogliamo investire sulla valorizzazione sociale, economica e civile delle diverse identità che vivono nella nostra comunità. Con IntegrAzioni intendiamo mettere in rete esperienze, competenze e risorse già esistenti, spesso parcellizzati in ambiti settoriali ed affrontare i fenomeni che si dispiegano sul nostro territorio in un’ottica complessiva, integrata e trasversale.” Paolo Gargaglione sottolinea ancora “L’obiettivo che ci proponiamo con la realizzazione di questo progetto è quello di generare relazioni positive che, partendo dalla scuola e dai luoghi di aggregazione sociale, sappiano valorizzare le competenze sociali e culturali dei giovani, offrendo opportunità di visibilità, riconoscimento della loro funzione sociale e del loro essere un patrimonio civico su cui investire.”

Articolo ripreso integralmente da LASICILIA.IT