Il Progetto

Incontri per ritrovarsi ed essere comunità.

Il

Progetto IntegrAzioni non vuole essere solo una delle tante iniziative che l’amministrazione comunale in questi anni ha varato nella direzione delle politiche sociali: ha l’ambizione di essere qualcosa di più !

Ha l’ambizione di aprire una riflessione collettiva non soltanto sui singoli temi del Progetto ma sul momento storico che viviamo. Mi piace chiamarlo “momento” e non epoca, fase, contesto, perché spero duri poco e lo spero perché penso che non sia un bel momento. I sentimenti collettivi forse più diffusi sono oggi la paura ed il rancore. Ed i destinatari di questi sentimenti sono i “diversi”. Diversamente abili, immigrati di oggi ed emigranti di ieri (quando gli immigrati negli altri Paesi e nelle aree industriali del Nostro eravamo noi) sono lo spunto, magistralmente trattato dai nostri Autori, per aprire la riflessione. Una riflessione che ha uno sbocco obbligato: la diversità è una ricchezza !

Aprirsi ad esperienze differenti, formazioni diverse, vissuti estranei, ci consente di cambiare in meglio la percezione delle idee, di capire che la nostra idea è influenzata dallo stile di vita, dal contesto familiare e relazionale, dal substrato culturale che ci è proprio, di comprendere che la nostra idea non è necessariamente la migliore che si possa avere e che, quando la si confronta con altre, il più delle volte, la si arricchisce. La Storia dovrebbe ricordarci cosa è accaduto quando la paura ed il rancore per i “diversi” hanno prevalso e preso di mira gli ebrei così come dovrebbe insegnarci che Imperi antichi (quello di Roma) e Potenze contemporanee (gli Stati Uniti d’America) sono stati e sono grandi per avere avuto la capacità di integrare donne e uomini provenienti da altre culture, spesso assai differenti. L’altro spunto di riflessione del nostro Progetto è quello dell’educazione, della formazione, della possibilità di scelte diverse da quelle che sembrano naturali ed inevitabili.  Il momento che viviamo ha bisogno di maestri appassionati, di educatori capaci, di esempi pedagogici e, soprattutto, di professori coraggiosi che, come il Professor Keating in “L’attimo fuggente”, sappiano insegnare agli allievi che il mondo va visto da tante angolazioni diverse anche a costo di salire sui banchi !

Maurizio Dipietro – Sindaco di Enna

In

un momento storico in cui attorno alla figura del migrante si ergono muri e si semina odio, la casa di Giufà con il progetto IntegrAzioni, apre le porte all’interculturalità.

Il fenomeno migratorio che rappresenta di per sè un’opportunità di arricchimento, e troppo spesso accompagnato da campagne mediatiche che promuovono la paura ed il sospetto nei confronti delle diversità. A seguire ne consegue che il relativo inserimento sociale della popolazione immigrata nelle realtà locali è di solito accompagnato da forti pregiudizi che creato dei veri e propri steccati psicologici.

L’implementazione di una politica sull’immigrazione mirata all’inserimento dignitoso di chi vive nel territorio, deve partire dal riavvicinamento di tale distanza sociale anche attraverso la creazione di uno spazio alternativo che permetta di educare sia i giovani che gli adulti alla conoscenza e al rispetto delle diversità culturali che sono entrate a fare parte del nostro vivere quotidiano, per creare uno spirito di accoglienza, scambi costruttivi e arricchimento di valori.

Nell’attuale quadro sociale, l’incontro con il “diverso” non è più limitato ad episodi sporadici, ma si riflette inevitabilmente sul nostro sistema economico e produttivo, sui modelli educativi e sulle reti sociali. A tal proposito, il Comune di Enna vuole investire sulla valorizzazione sociale, economica e civile delle diverse entità che le abitano.

Con IntegrAzioni mettiamo in rete esperienze, competenze e risorse già esistenti, spesso parcellizzati in ambiti settoriali. Intendiamo affrontare i fenomeni che si dispiegano sul nostro territorio in un’ottica complessiva, integrata e trasversale.

L’azione sul contesto socio-culturale rappresenta la vera sfida del progetto IntegrAzioni. Si tratta infatti di generare relazioni positive che, partendo dalla scuola e dai luoghi di aggregazione sociale, sappiano valorizzale le competenze sociali e culturali dei giovani, offrendo opportunità di visibilità, riconoscimento della loro funzione sociale e del loro essere un patrimonio civico su cui investire.

Francesco Paolo Gargaglione – Assessore Politiche Sociali

Video
Programmazione

 

APERITIVO CON LAUTORE

Ciclo di appuntamenti attraverso la formula conviviale dell’aperitivo culturale.

NEVER STOP

Una storia , un libro fotografico, un cortometraggio, una mostra itinerante 

con Carmelo Stompo e Arouna Diouf

⏰ Venerdì 1 marzo ore 20.00

 

ZIA FAVOLA – Una storia siculish

di e con Cono Cinquemani

(Aut Aut edizioni)

FAVOLA CINQUEMANI

Performance di Lorena Cinquemani

⏰ Venerdì 26 aprile ore 18.30.

santa_napoli_logo

CARACÒ teatro – SANTA NAPOLI

Un improvvisato monologo sui ca*** miei

di e con Alessadro Gallo -Produzione Caracò

⏰ Martedì 19 marzo ore 18.30

LUCA TRAPANESE – Nata per te

Storia di Alba raccontata fra noi

(Einaudi, Stile Libero Extra)

Giovedì 6 giugno ore 20.00.

 

LABORATORI INTERCULTURALI

L’arte per la promozione del dialogo interculturale e strumento di integrazione.

FRATE’ATRO

laboratorio di teatro interculturale

a cura di Patrizia Fazzi – Attrice e Regista

⏰ Durata: 20 incontri di 3 ore a cadenza settimanale

imm_dintegr_def

IMMAGINI DI INTEGRAZIONE

con Antonella Barbera e Fabio Leone

 

⏰ Durata: 20 incontri di 3 ore a cadenza settimanale

VOCI DAL MONDO

Coro Multiculturale

con Roberto Mistretta, in arte Roberto Cohiba

⏰ Durata: 20 incontri di 3 ore a cadenza settimanale

 

DRUM CIRCLE

con Emanuele Primavera

Musicista Compositore

⏰ Durata: 10 incontri di 3 ore a cadenza settimanale

 

IMPROVVISAZIONE MUSICALE

con Emanuele Primavera

Musicista Compositore

⏰ Durata: 10 incontri di 3 ore a cadenza settimanale

 

Rassegna Stampa - Incontri di IntegrAzioni a cura di Tiziana Tavella

Gli incontri di IntegrAzioni. Terzo appuntamento alla Casa di Giufà dedicato al testo “Zia Favola” e al linguaggio siculo americano: una riflessione su quanti partono in cerca di fortuna...

Comunicato stampa. “Zia Favola- una storia siculish “ ha caratterizzato il terzo incontro di “IntegrAzioni” alla casa di Giufa’ con una importante riflessione sul valore del linguaggio nei p...

Credits

COMUNE DI ENNA

  • Assessorato all’Immigrazione
  • Assessorato alle Politiche sociali
  • Assessorato all’Istruzione

 

Casa di Giufà

Mediateca e Biblioteca Comunale

 

 

Associazione Culturale L’Alveare

IntegraAzioni

Progetto e coordinamento: Cettina Capizzi e Paolo Patrinicola
Coordinamento organizzativo: Franco Fiorello
Progetto grafico: Simona Riccobene
Stampato presso: Incisiva snc, Enna
Webmaster: Stefano Iannello
Addetta stampa: Tiziana Tavella
In copertina: Ph. Carmelo Stompo

 

Hanno collaborato:
Giovanni Bevilacqua – CPIA
Don Giuseppe Fausciana – Parrocchia di Sant’Anna
Lorenzo Colaleo – ANPAS Sicilia
Cooperativa Ippocrate