/widgets.js";var sz=d.getElementsByTagName(s)[0];sz.parentNode.insertBefore(z,sz)}(document,"script","zb-embed-code"));

ZIA FAVOLA – VENERDÌ 26 APRILE ORE 20,00

4 ZIA FAVOLA 

Cono Cnquemani – Una storia Siculish

(Aut Aut Edizioni)

Intervengono:

Ilaria Marazzotta, Assessore all’Immigrazione

Paolo Gargaglione, Assessore Politiche Sociali

 VENERDÌ 26 APRILE ORE 20,00


Zia Favola. Una storia siculish è una preziosa testimonianza della storia di molti italiani che, da fine Ottocento, emigrarono verso gli Stati Uniti.
È la storia, narrata in prima persona, di Favola Cinquemani, che nei primi del Novecento viene spinta dalla famiglia a partire per l’America in cerca di una vita migliore. Le viene trovato un fidanzato per corrispondenza e lei da San Cono partirà alla volta di Novajorca, affrontando un lungo viaggio in nave. Sono gli anni in cui le difficili condizioni economiche e sociali del Sud Italia portarono a uno dei più grandi esodi di un popolo nella storia moderna.
Primo romanzo in lingua siculish, quel particolare linguaggio parlato dai siculo-americani, i siciliani col “trattino”, Zia Favola, raccontando la sua vita, divisa tra la Sicilia e l’America, ci fa riflettere sul fenomeno che, ieri come oggi, porta popolazioni migranti ad abbandonare la propria terra e calcare suoli stranieri non sempre ospitali, ci parla del dolore di chi deve vivere lontano dalla sua famiglia, affrontare l’isolamento linguistico, l’inserimento in un tessuto sociale nuovo.
L’autore si è ispirato a persone realmente esistite di cui si trova traccia negli archivi di Ellis Island, l’isola-avamposto nel porto di New York: Favola Cinquemani è Josephine Garzieri Calloway, una donna di Comiso rimasta bloccata nell’isola quasi un anno per motivi di salute. Ellis Island, antesignana dei nostri odierni Centri di permanenza temporanea, era un passaggio obbligato, dove coloro che chiedevano di entrare negli Stati Uniti come emigranti venivano sottoposti a una dura selezione. Chi non superava questo primo esame veniva sottoposto a controlli più approfonditi. La permanenza in quella che fu ribattezzata “l’Isola delle lacrime” durava sei mesi, allo scadere dei quali, se non si guariva o i documenti non subivano rettifiche, si era costretti a tornare a casa. Per poter restare più del tempo previsto era necessario pagare una tassa, un pizzo ai boss. La mafia si era infiltrata negli affari degli sbarchi e controllava gli arrivi dei siciliani. Gli italiani sono stati per decenni snobbati negli USA, prima di conquistarsi una dignità, descritti come sporchi, ignoranti, puzzolenti, disperati.

Cono Cinquemani
Cantautore, autore e regista teatrale, debutta nel 2000 con dieci canzoni sulle parlate siciliane. Nel 2015 va in scena Donne marginali e La cuffia del silenzio, due monologhi dedicati a donne siciliane e viene presentato il Dizionario Siculish, una raccolta di termini siculo-americani. Tra gli altri porta in scena Nino Lunfardo, Frank Lentini e Favola Cinquemani. Dal 2018 è l‘ideatore del progetto culturale “Pronto Soccorso Letterario”, un percorso internazionale di libroterapia itinerante realizzato grazie alla collaborazione di librai, scrittori, psicoterapeuti, social e web manager.